Fai una donazione al tuo Forum €5,00 €10,00 €20,00 €50,00

Link sponsorizzati

NUOVO C. DI S. - CMO OBBLIGO SEGNALAZIONE REVISIONE PATENTE?

NUOVO C. DI S. - CMO OBBLIGO SEGNALAZIONE REVISIONE PATENTE?

Messaggioda marius » gio gen 31, 2013 10:26 am

Dal 19 gennaio 2013 è entrato in vigore il nuovo C di S. e tra gli articoli modificati vi è: l'art 128 CHE RIPORTO INTEGRALMENTE. :
" Art. 128.
Revisione della patente di guida
1. Gli uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C., nonchè il prefetto nei casi previsti dagli articoli 186 e 187, possono disporre che siano sottoposti a visita medica presso la commissione medica locale di cui all'art. 119, comma 4, o ad esame di idoneità i titolari di patente di guida qualora sorgano dubbi sulla persistenza nei medesimi dei requisiti fisici e psichici prescritti o dell'idoneità tecnica. L'esito della visita media o dell'esame di idoneità sono comunicati ai competenti uffici provinciali della Direzione generale della M.C.T.C. per gli eventuali provvedimenti di sospensione o revoca della patente.
1-bis. I responsabili delle unità di terapia intensiva o di neurochirurgia sono obbligati a dare comunicazione dei casi di coma di durata superiore a 48 ore agli uffici provinciali del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici. In seguito a tale comunicazione i soggetti di cui al periodo precedente sono tenuti alla revisione della patente di guida. La successiva idoneità alla guida è valutata dalla commissione medica locale di cui al comma 4 dell'articolo 119, sentito lo specialista dell'unità riabilitativa che ha seguito l'evoluzione clinica del paziente.
1-ter. È sempre disposta la revisione della patente di guida di cui al comma 1 quando il conducente sia stato coinvolto in un incidente stradale se ha determinato lesioni gravi alle persone e a suo carico sia stata contestata la violazione di una delle disposizioni del presente codice da cui consegue l'applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida.
1-quater. È sempre disposta la revisione della patente di guida di cui al comma 1 quando il conducente minore degli anni diciotto sia autore materiale di una violazione delle disposizioni del presente codice da cui consegue l'applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida.
1-quinquies. Si procede ai sensi del comma 1-bis anche nel caso in cui i medici di cui all'articolo 119, comma 2, anche in sede di accertamenti medico-legali diversi da quelli di cui al predetto articolo, accertino la sussistenza, in soggetti già titolari di patente, di patologie incompatibili con l'idoneità alla guida ai sensi della normativa vigente.
1-sexies. Può essere disposta la revisione della patente di guida nei confronti delle persone a cui siano state applicate le misure amministrative di cui all’articolo 75 del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309. Il prefetto dispone la revisione con il provvedimento di cui all’articolo 75, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309.
2. Nei confronti del titolare di patente di guida che non si sottoponga, nei termini prescritti, agli accertamenti di cui ai commi da 1 a 1-quater è sempre disposta la sospensione della patente di guida fino al superamento degli accertamenti stessi con esito favorevole. La sospensione decorre dal giorno successivo allo scadere del termine indicato nell'invito a sottoporsi ad accertamento ai fini della revisione, senza necessità di emissione di un ulteriore provvedimento da parte degli uffici provinciali o del prefetto. Chiunque circola durante il periodo di sospensione della patente di guida è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 163 a euro 658 e alla sanzione amministrativa accessoria della revoca della patente di guida di cui all'articolo 219. Le disposizioni del presente comma si applicano anche a chiunque circoli dopo essere stato dichiarato temporaneamente inidoneo alla guida, a seguito di un accertamento sanitario effettuato ai sensi dei citati commi da 1 a 1-quater.
(art. 128 C.d.S.: vengono introdotti nuovi casi in cui può essere disposta la revisione della patente di guida;Infatti:
- l'idoneità alla guida in soggetti già titolari di patente con patologie incompatibili con l'idoneità alla guida è valutata anche in sede di accertamenti medico-legali diversi da quelli dell'articolo 119 C.d.S. ed i medici che compiono tali accertamenti devono comunicarne l'esito all'Ufficio del Dipartimento dei trasporti terrestri che provvede ad invitare il titolare a sottoporsi a revisione della patente di guida;)
".

Ora mi chiedo cosa faranno i CMO,???? certo che se lo applicano le CML locali saranno invase ....... viste le molteplici patologie previste per la revisione...!!! Oppure continuano ad applicare la precedente circolare che riporto... che sono riuscito a reperire....
"La Direzione Centrale per la Sanità, ha recentemente emanato una nota in risposta ad alcuni quesiti riguardanti le procedure e gli obblighi da tenere nei confronti del personale della Polizia di Stato sottoposto a giudizio di idoneità dalla Commissione Medico Ospedaliera; in particolare sono stati evidenziati i seguenti punti:
Sono pervenuti a questa Direzione alcuni quesiti inerenti la problematica in oggetto riguardanti in particolare:
a) se sussista o meno obbligo, in caso di provvedimenti medico legali di non idoneità al servizio adottati nei confronti del personale della Polizia di Stato, di dare comunicazione ai competenti Uffici Motorizzazione Civile, Uffici di Polizia amministrativa della Questura per l'eventuale revisione della patente civile e/o del porto d'armi;
b) se l'eventuale adempimento di cui alla precedente lettera a) debba essere assicurato dalle C.M.O. o dal medico della Polizia di Stato presente in qualità di componente della stessa.
In proposito questa Direzione, sulla base di atti e pareri del Garante per la protezione dei dati personali, aveva espresso le seguenti considerazioni:
a) per quanto concerne l'eventuale comunicazione al Dipartimento per i Trasporti Terrestri, ai fini dell’eventuale verifica dei requisiti psico-fisici richiesti per la patente di guida civile sembrerebbe non doversi procedere ad alcun tipo di comunicazione ai sensi di quanto stabilito, nelle "Linee guida in materia di trattamento dei dati personali di lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro in ambito pubblico" datato 14.6.2007 del Garante per la protezione dei dati personali (par.8.5).
b) Alla luce delle suddette linee guida e del provvedimento n. 1054663 del 15.1.2004 della medesima Autorità Garante, sembrerebbe legittima la comunicazione, agli uffici di Polizia Amministrativa della Questura, degli eventuali provvedimenti di non idoneità adottati dalle C.M.O., nei confronti di appartenenti alla Polizia di Stato, quando le infermità accertate assumano rilievo ai fini della idoneità psico-fisica richiesta per la detenzione o il porto d'armi per uso sportivo, caccia o difesa personale.
c) Nel caso di cui al precedente punto b si è del parere che la comunicazione agli uffici di Polizia Amministrativa della Questura non debba riportare la diagnosi; saranno i predetti Uffici a provvedere all'invio del dipendente, giudicato non idoneo al servizio, presso le competenti Commissioni delle ASL qualora gli stessi risultino titolari di autorizzazione alla detenzione al porto d'armi.
d) Relativamente all'Ente competente all’eventuale comunicazione, si ritiene che esso debba essere individuato nella C.M.O., essendo questo l'organo che ha accertato le infermità ed emesso il provvedimento medico legale di non idoneità.
L'Ufficio per l'Amministrazione Generale, con nota n. 557/ST/281.006/266 del 4.2.2010 si è espresso nel senso di concordare con le valutazioni di questa Direzione.
Si comunica quanto innanzi dato l'interesse generate della tematica in oggetto.
I coordinatori sanitari sono pregati di curare la diffusione della presente nota agli Uffici Sanitari che ricadono nel territorio di rispettiva competenza."

RITENGO NON SIA IL CASO DI CREARE ALLARMISMI..... MA HO POSTATO QUESTO ARGOMENTO NEL CASO QUALCHE COLLEGA SIA IN RINNOVO DELLA PATENTE SCADUTA , E NEL CORSO DELLA VISITA MEDICA DEVE SOTTOSCRIVERE UNA CERTIFICAZIONE NELLA QUALE NEGA PATOLOGIE PRECEDENTI / ESISTENTI... QUINDI MEGLIO FARE ATTENZIONE PERCHE' SE DOPO FANNO LA SEGNALAZIONE SONO GUAI!!! REVISIONE PETENTE E DENUNCIA X FALSO....

COSA NE PENSATE???? QUALCUNO E' MEGLIO AGGIORNATO?????
.... E GENTILMENTE DOTTORESSA LUCIA ASTORE LEI COSA NE PENSA????
GRAZIE..... :( :( :( :( :( :( :(
marius
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 53
Iscritto il: sab dic 10, 2011 9:08 am

Link sponsorizzati

Re: NUOVO C. DI S. - CMO OBBLIGO SEGNALAZIONE REVISIONE PATE

Messaggioda Dott.ssa Astore » dom feb 03, 2013 6:28 pm

Mi chiedo come si comporteranno le ass.ni di fronte a tale problema cordialmente Dr.ssa Lucia Astore
Dott.ssa Lucia Astore - Medico Legale | Psichiatra forense
Studio: Via della Mattonaia, 35 - 50121 Firenze
Telefono: 055 23 45 154

Dott.ssa Astore
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 2179
Iscritto il: ven lug 22, 2011 2:41 pm
Località: Studio medico: Firenze, Via della Mattonaia 35 - tel. 055 23 45 154

Re: NUOVO C. DI S. - CMO OBBLIGO SEGNALAZIONE REVISIONE PATE

Messaggioda Dott.ssa Astore » dom feb 03, 2013 6:28 pm

Mi chiedo come si comporteranno le ass.ni di fronte a tale problema cordialmente Dr.ssa Lucia Astore
Dott.ssa Lucia Astore - Medico Legale | Psichiatra forense
Studio: Via della Mattonaia, 35 - 50121 Firenze
Telefono: 055 23 45 154

Dott.ssa Astore
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 2179
Iscritto il: ven lug 22, 2011 2:41 pm
Località: Studio medico: Firenze, Via della Mattonaia 35 - tel. 055 23 45 154

Re: NUOVO C. DI S. - CMO OBBLIGO SEGNALAZIONE REVISIONE PATE

 


Torna a IL MEDICO LEGALE RISPONDE






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

CSS Valido!