Link sponsorizzati

tfs in presenza di cessione del quinto

tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda spikebn » mer set 25, 2013 12:07 am

salve a tutti.volevo sapere se qualcuno conosce quest'informazione,ma se mi congedano,e ,al momento del congedo ho ancora da pagare diciamo 6 anni di cessione del quinto e 8 anni di prestito in delega dello stipendio,la buonauscita del tfs me la danno o la trattengono per pagare le cessioni di cui sopra??chi sa come funziona??
spikebn
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: sab mar 31, 2012 5:42 pm

Link sponsorizzati

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda SerGian » mer set 25, 2013 9:19 pm

Se riuscirai ad avere il congedo, sarà l'INPS che ti tratterrà le rate successive sulla base della documentazione che produrrai all'atto del congedo medesimo.
Il trattamento di fine rapporto ti verrà liquidato per intero.
Ciao.
SerGian
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 27
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:52 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda gilberto1957 » gio set 26, 2013 1:45 pm

...ma, sulla pensione, potranno trattenerti solo l'importo della cessione del quinto.
Il "prestito delega" dovrai provvedere ad estinguerlo separatamente e per tuo conto.
Così è successo a me........auguri!!!!
gilberto1957
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 33
Iscritto il: lun dic 13, 2010 3:53 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda spikebn » gio set 26, 2013 2:09 pm

scusami,in che senso devo estinguerlo per conto mio??se non ho la possibilita economica di farlo non mi danno la liquidazione e/o la pensione??
spikebn
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: sab mar 31, 2012 5:42 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda SerGian » gio set 26, 2013 3:13 pm

Cercherò di far luce su questa domanda;

Prestiti delega

Il prestito delega, è una forma di prestito che si affianca alla cessione del quinto per ottenere maggiore liquidità. Questo tipo di prestito permette l’addebito di una rata pari al massimo al 40% dello stipendio o della pensione, in pratica il doppio della soglia concessa dalla cessione del quinto. Si tratta di un finanziamento non finalizzato, quindi non legato all’acquisto di un determinato bene o servizio, rimborsabile poi con delle rate addebitate direttamente come trattenute sulla busta paga dello stipendio o della pensione, che costituisce l’eccezione alla regola della cessione del quinto. Infatti, il prestito delega, come la cessione del quinto (di cui è stretto parente) serba la garanzia è nel contratto di lavoro a tempo indeterminato o nella pensione. Anche per il prestito delega, il pagamento degli importi mensili di restituzione del capitale erogato, avvengono tramite trattenuta della busta paga, direttamente dal datore di lavoro verso la banca o finanziaria che erogano il prestito. Ma, a differenza della cessione del quinto, il prestito delega consente di arrivare a una rateizzazione del rimborso pari a un massimo di due quinti dello stipendio. E alcune amministrazioni possono rifiutarle di concedere la seconda trattenuta, tranne quelle statali.

Le 10 cose da sapere sul prestito con delega

Il prestito delega è regolato dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Si può ottenere a integrazione dell’importo erogato con una cessione del quinto
E’ possibile ottenere la concessione di un prestito delega anche nel caso in cui una preesistente cessione del quinto non sia rinnovabile.
Possono richiedere un prestito delega le persone con gli stessi requisiti per accedere alla cessione del quinto, ovvero lavoratori e dipendenti di enti pubblici, statali e privati, e pensionati Inps e Inpdap appartenenti a queste categorie. I contratti di assunzione devono essere, in quasi la totalità dei casi, a tempo indeterminato e devono dimostrare un’anzianità lavorativa.
A differenza della cessione del quinto però, le aziende private o le amministrazioni pubbliche possono rifiutare (e spesso infatti lo fanno) di concedere la seconda detrazione sulla busta paga, mentre le amministrazioni statali sono costrette a concederla
Si può visualizzare un preventivo per un prestito delega attraverso alcuni portali online che calcolano e offrono prestiti anche direttamente dal web. Spesso inoltre si può consultare un elenco di tutti gli enti che consentono ai propri dipendenti di accedere a questo tipo di finanziamenti.
I documenti che servono per richiedere un prestito delega sono indicativamente gli stessi che servono per la cessione del quinto e sono: il certificato dello stipendio fornito dall’amministrazione dell’azienda o ente in cui si lavora, l’ultima busta paga, il benestare dell’azienda che si impegna a effettuare con regolarità i pagamenti. Anche la modulistica è la stessa.
Il piano di ammortamento della cessione del quinto è composto da un tasso di interesse fisso (espresso da TAN e TAEG) e rate costanti, il cui importo non deve appunto superare i due quinti dello stipendio, ovvero non deve essere superiore al 40% .
La durata del finanziamento tramite cessione del quinto varia di solito, per i dipendenti pubblici, dai 12 ai 120 mesi.
I prestiti con delega hanno un importo che può variare tra i 2.500 e i 75.000 euro .
E’ obbligatoria nel prestito delega, la sottoscrizione di una polizza assicurativa che copra il credito dovuto in casi di incapacità improvvisa a far fronte al proprio impegno,come morte, malattia o perdita del posto di lavoro.
SerGian
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 27
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:52 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda gilberto1957 » ven set 27, 2013 8:48 pm

Nel 2010, quando sono andato in pensione, l'INPDAP mi ha comunicato che sul trattamento pensionistico avrebbero potuto continuare a trattenermi la sola quota della "cessione del quinto" e che non avrebbero, quindi, più trattenuto la quota del "prestito delega"!!!!
Onde evitare, quindi, di ritrovarmi con delle rate del prestito non pagate e quindi insolvente - e forse anche moroso -, con un certo anticipo sulla data di pensionamento ho contattato personalmente la banca che mi aveva concesso il "prestito delega" e con loro ho concordato la prosecuzione dei pagamenti in un altro modo (bonifico mensile).
Poi, una volta arrivata la buonuscita, ho provveduto ad estinguere il debito.
Questo è quanto è capitato a me......tra "cessione del quinto" e "prestito delega" pagavo, mensilmente circa 800 €.
Sinceramente - però - non so se è la cifra da pagare che impone un determinato modo di operare....ossia, non vorrei che, visto l'importo in questione, all'INPDAP risultasse impossibile trattenermi tutta quella cifra e, conseguentemente, mi hanno indotto a fare quello che ho descritto......
Quindi, se posso permettermi di darti un consiglio, considerato quello che si sente in giro a proposito di finanziamenti e clausole contrattuali assurde, cerca di curare bene la questione; prima di ogni altra cosa, se deciderai di "mollare", chiedi chiarimenti e indicazioni all'INPS (ex INPDAP) e....ancora auguri!!!!!
gilberto1957
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 33
Iscritto il: lun dic 13, 2010 3:53 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda spikebn » ven set 27, 2013 9:32 pm

ok...grazie dei consigli ragazzi....
spikebn
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: sab mar 31, 2012 5:42 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda minomino » sab set 28, 2013 3:11 pm

spikebn ha scritto:ok...grazie dei consigli ragazzi....


in caso di congedo per riforma avendo il prestito decennale dell'inpdap bisogna continuarlo a pagare?
Non hanno trattenuto delle somme come assicurazione?
Grazie
minomino
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 46
Iscritto il: lun mar 18, 2013 10:02 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda SerGian » sab set 28, 2013 6:06 pm

minomino ha scritto:
spikebn ha scritto:ok...grazie dei consigli ragazzi....


in caso di congedo per riforma avendo il prestito decennale dell'inpdap bisogna continuarlo a pagare?
Non hanno trattenuto delle somme come assicurazione?
Grazie

Certo che devi continuare a pagarlo, poichè a seguito della riforma ti verrà trattenuto sulla pensione.
Riguardoil premio assicurativo, a favore dell’Istituto, serve per compensare il rischio di insolvenza.
Ciao.
G.S.
SerGian
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 27
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:52 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda spikebn » dom set 29, 2013 9:05 pm

si,pero effettivamente sia con la cessione del quinto che con il prestito in delega si sono trattenuti la quota dell'assicurazione. se mi congedano per malattia non dovrebbe entrare in funzione l'assicurazione?visto che è per perdita del lavoro morte e MALATTIA!!senno a che serve???
spikebn
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 96
Iscritto il: sab mar 31, 2012 5:42 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda angri62 » dom set 29, 2013 9:37 pm

spikebn ha scritto:si,pero effettivamente sia con la cessione del quinto che con il prestito in delega si sono trattenuti la quota dell'assicurazione. se mi congedano per malattia non dovrebbe entrare in funzione l'assicurazione?visto che è per perdita del lavoro morte e MALATTIA!!senno a che serve???

forse perchè passi da un sistema stipendiale ad un sistema pensionistico senza perdita di reddito.
Avatar utente
angri62
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 5329
Iscritto il: lun apr 23, 2012 9:28 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda SerGian » dom set 29, 2013 9:42 pm

angri62 ha scritto:
spikebn ha scritto:si,pero effettivamente sia con la cessione del quinto che con il prestito in delega si sono trattenuti la quota dell'assicurazione. se mi congedano per malattia non dovrebbe entrare in funzione l'assicurazione?visto che è per perdita del lavoro morte e MALATTIA!!senno a che serve???

forse perchè passi da un sistema stipendiale ad un sistema pensionistico senza perdita di reddito.

angri62 hai colto il punto!
Infatti per "malattia" è da intendersi nell'ambito lavorativo senza reddito e non in "malattia" sulla base di una riforma/congedo comunque con reddito (pensione).
Chiariamo, quindi, questo "punto":
Poiché il prestito delega, fa parte della categoria dei prestiti garantiti, il richiedente non ha obbligo di fornire particolari garanzie, è sufficiente la presenza del reddito medesimo oppure della liquidazione, un’assicurazione obbligatoria che ha lo scopo di garantire l’importo di debito che risulti eccedente all’importo del Trattamento di Fine Rapporto maturato.

Per la salvaguardia del lavoratore dipendente, della sua famiglia e dell’istituto di credito medesimo, al relativo prestito delega sono inserite due tipologie di polizza assicurativa:

la prima polizza assicurativa per i prestiti delega garantisce dal rischio impiego derivante da possibili fattori di licenziamento e malattia, la seconda polizza assicurativa garantisce invece il rischio vita in caso di invalidità permanente e decesso.

I relativi premi assicurativi per i prestiti delega sono già compresi nella quota della rata mensile autorizzata.
SerGian
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 27
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:52 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda luigi57 » ven nov 01, 2013 9:28 am

Per sola informazione io all'atto del congedo CC avevo in essere cessione del quinto e prestito in delega, una volta congedato ambedue rate vengono pagate dall'Imps. Quindi nessuta trattenuta dalla licquidazione tantomeno esercitata la richiesta di estinzione anticipata del prestito in delega.
luigi57
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 318
Iscritto il: gio ago 06, 2009 11:14 am

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda federica90 » mer lug 02, 2014 8:52 pm

Io avevo trovato delle informazioni interessanti invece su questo sito cessione del quinto cagliari . Secondo voi il calcolo è corretto?
federica90
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 1
Iscritto il: mer lug 02, 2014 8:49 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

Messaggioda skorpios » gio lug 03, 2014 6:49 pm

Un saluto a tutti.
Volevo solo aggiungere, perché mi sono reso conto che non tutti hanno capito come funzionano le assicurazioni relative ai prestiti, siano essi cessioni del quinto o delega: è vero che in caso di impossibilità improvvisa, per qualsivoglia motivo, a pagare le rate mensili ci pensa l' assicurazione ma questa poi si rivarrà sull'insolvente, ossia si dovranno ripagare le rate all'assicurazione.
AVETE CAPITO BENE!!!
Mi rivolgo a chiunque stia pensando qualcosa del tipo "ma che xaxxo dice questo"?.
Attenzione signori, è proprio come vi ho detto!
Saluti.
skorpios
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 365
Iscritto il: mer giu 25, 2014 3:38 pm

Re: tfs in presenza di cessione del quinto

 

Prossimo

Torna a GUARDIA DI FINANZA






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

CSS Valido!