Link sponsorizzati

esenzione irpef vittime del dovere

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » lun gen 16, 2017 8:52 pm

nicora ha scritto:a prescindere ..........



Mi associo nico ,non siamo ne all'asilo,e neanche al collegio dei pallini rosa


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda avt8 » lun gen 16, 2017 9:36 pm

Parliamo di cose serie, la legge di stabilità del 2017 hai stabilito che dal 1.1.2017,le pensioni delle vittime del dovere e quelle di reversibilità dovranno essere esenti da Irpef-
La Commissione erupea di bancio,ha mandato una lettera al governo che entro il 1.febbraio 2017,deve trovare circa 4 miliardi che mancano,nel caso contrario ci sarà la procedura di infrazione con una multa pesante in termine economici-
Il Ministro Padoan intervistato ha detto che provvedeva a rimediare-
Come ? a parere dello scrivento inventandosi qualche nuova tassa oppure l'aumento dell'iva al 22%-
Per cui se passa quest'ultima opzione, con una mano forse ci da, ma non si sa quando, e con due mani si prende di più di quello che dovrfebbe dare.Basti pensare che se aumenta l'iva, pagheremmo di più su tutte le bolette, lavori,acquisti ed altro-
Ed ho una mia impressione che chi aveva avuto in visione la madonna del rosario che gli aveva detto che a marzo o maggio avremmo avuto la pensione esente da irpef- Ho idea che questo deve avere ancora altra visione dopo aver cambiato spacciatore, forse troverà roba migliore con visione più appropriata-
Io non faccio uso di integratori, e penso che l'attesa sarà lunga- Però ho già fatto una valutazione legale,per non attendere troppo ed avere una risposta rapidissima, fargli notificare una diffida tramite il legale, e vediamo poi se rispondono oppure no, e cosa rispondono-E sono convinto che l'effetto e posistivo,in quanto la legge deve essere applicata senza indugi e non quella di aspettare l'Inps che che emani la nota operativa alle sedi provinciali-
Se non siete d'accorso dite la vostra e vi raccomando di usare termini corretti ed appropriati,altrimenti gli estranei della digos si vergognano perchè gli facciamo fare brutta figura-Vi raccomando-


Link sponsorizzati
avt8
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1996
Iscritto il: gio gen 30, 2014 9:36 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda Zenmonk » lun gen 16, 2017 11:55 pm

Giustissimo Ciro. Aggiungerei solo che la diffida e messa in mora presuppone che sia arrivato il cedolino di febbraio senza esenzione IRPEF e quindi che l'INPS sia già palesemente in violazione di legge.
Il testo è semplice e potrebbe seguire la modulistica sul web; l'invio è solo tramite ufficiale giudiziario per avere valore legale (secondo Cassazione).
La bozza recita "il sottoscritto...premesso quanto segue:
A. Che la legge stabilisce ....
B. Che il sottoscritto e' VdD come risulta da...
C. che codesto Ente non ha dato attuazione alcuna alla suddetta norma come dimostrato dal cedolino di febbraio....
Diffida codesto Ente in persona del responsabile pro tempore a dare immediata attuazione alla legge...con contestuale corresponsione di arretrati e messa in mora a giorni 60, significando che decorso tale termine senza provvedimenti saranno adite le competenti autorità giudiziarie, anche con riguardo alla necessità di escludere nell'occorso la ricorrenza della fattispecie di omissione o ritardo in atti d'ufficio.
Che ve ne pare?


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 10:28 am

Risposta della Direzione Regionale Veneto INPS
Gentile sig. Ciro
le modalità operative relative all’applicazione dei benefici previsti dall’art.211 della Legge 11 Dicembre 2016, n°232 potranno essere rese note solo dopo la pubblicazione di apposita circolare applicativa emanata dalla competente Direzione Centrale. Sarà nostra cura provvedere a portare a Sua conoscenza quanto determinato non appena pubblicata.
Cordiali saluti


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda antoniomlg » mar gen 17, 2017 10:37 am

ciro49 ha scritto:Risposta della Direzione Regionale Veneto INPS
Gentile sig. Ciro
le modalità operative relative all’applicazione dei benefici previsti dall’art.211 della Legge 11 Dicembre 2016, n°232 potranno essere rese note solo dopo la pubblicazione di apposita circolare applicativa emanata dalla competente Direzione Centrale. Sarà nostra cura provvedere a portare a Sua conoscenza quanto determinato non appena pubblicata.
Cordiali saluti


ma non doveva emettere qualcosa il Ministero Economia e Finanze?
in quanto INPS organo secondario?


Link sponsorizzati
Avatar utente
antoniomlg
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3102
Iscritto il: ven set 03, 2010 10:18 am

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda Zenmonk » mar gen 17, 2017 12:03 pm

nicora2 ha scritto:
Zenmonk ha scritto:Giustissimo Ciro. Aggiungerei solo che la diffida e messa in mora presuppone che sia arrivato il cedolino di febbraio senza esenzione IRPEF e quindi che l'INPS sia già palesemente in violazione di legge.
Il testo è semplice e potrebbe seguire la modulistica sul web; l'invio è solo tramite ufficiale giudiziario per avere valore legale (secondo Cassazione).
La bozza recita "il sottoscritto...premesso quanto segue:
A. Che la legge stabilisce ....
B. Che il sottoscritto e' VdD come risulta da...
C. che codesto Ente non ha dato attuazione alcuna alla suddetta norma come dimostrato dal cedolino di febbraio....
Diffida codesto Ente in persona del responsabile pro tempore a dare immediata attuazione alla legge...con contestuale corresponsione di arretrati e messa in mora a giorni 60, significando che decorso tale termine senza provvedimenti saranno adite le competenti autorità giudiziarie, anche con riguardo alla necessità di escludere nell'occorso la ricorrenza della fattispecie di omissione o ritardo in atti d'ufficio.
Che ve ne pare?


Mi pare bene , tranne l'obbligatorietà di inviarla tramite ufficiale giudiziario, in quanto :

La prescrizione e le sue cause di interruzione.


Le cause di interruzione.

Il titolare del diritto negato ha l’interesse preminente a provocare l’interruzione, per evitare che il suo diritto si estingua o meglio, per evitare che l’esercizio dello stesso sia impedito dall’eccezione di prescrizione sollevata dalla controparte interessata.
Le cause di interruzione della prescrizione, sostanzialmente, sono tre.
Essa si verifica allorché 1) sia stata proposta domanda giudiziale, anche in sede arbitrale (art. 2943 commi 1, 2, 3 e 4 c.c.), 2) il titolare abbia costituito in mora il debitore, cioè abbia fatto richiesta o intimazione scritta di adempiere al debitore ai sensi dell’art. 1219 c.c. (art. 2943 comma 4 c.c.) o, infine, 3) sia stato effettuato un riconoscimento del debito da parte del soggetto obbligato (art. 2944 c.c.). In tutti questi casi il termine di prescrizione riparte da zero, anche se, a ben vedere, la prescrizione stessa non è evitata.


In particolare: la domanda giudiziale.


L'art. 4 del D.Lgs. n. 261 del 1999, come modificato dal D.Lgs. 58 del 2011, di recepimento della direttiva 2008/6/CE, sancisce che, per esigenze di ordine pubblico, sono affidati in via esclusiva al fornitore del servizio universale:
a) i servizi inerenti le notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari di cui alla legge n. 890 del 1982, e successive modificazioni;
b) i servizi inerenti le notificazioni a mezzo posta di cui all’art. 201 del D.Lgs. n. 285 del 1982.

Dal tenore della suddetta disposizione si desume che solo i servizi diversi da quelli affidati in via esclusiva possono essere svolti “anche da soggetti diversi dal fornitore del servizio universale”, mentre nella fattispecie in esame “si tratta di atto giudiziario” la cui notifica è affidata unicamente al fornitore del servizio universale: l'art. 4 del D.Lgs. n. 261 del 1999, come modificato dal D.Lgs. 58 del 2011, si riferisce, infatti alle "notificazioni degli atti giudiziari di cui alla legge n. 890/1982" e quindi alle notificazioni a mezzo poste fatte tramite ufficiale giudiziario.

Ciò si spiega perché, in caso di utilizzo del servizio universale, l'avviso di ricevimento della raccomandata costituisce atto pubblico ai sensi dell'art. 2699 c.c., mentre nessuna presunzione di veridicità può essere attribuita alle attestazioni riguardanti la consegna del plico da parte degli agenti di un servizio di posta privato.

La Corte di Cassazione ha affermato, in proposito, che: "L'agente incaricato del fornitore servizio postale universale, riveste la qualità di pubblico ufficiale.”

In particolare: la costituzione in mora del debitore.

Poniamo ora l’attenzione sul quarto comma dell’art. 2943 c.c. Il codice civile menziona quale seconda causa di interruzione “ogni altro atto che valga a costituire in mora il debitore”. Si tratta, all’evidenza, di una clausola generale che comprende gli atti idonei a interrompere la prescrizione che non rientrino tra la notificazione dell'atto con il quale si inizia un giudizio, la domanda proposta nel corso di un giudizio o il riconoscimento del diritto da parte di colui contro il quale il diritto stesso può essere fatto valere. Quanto generale e vasta la formula impiegata dal codice possa a prima vista apparire, essa, in realtà, deve essere posta in relazione all’art. 1219 c.c. Quest’ultima disposizione, occupandosi della costituzione in mora del debitore, prevede la precisa modalità con cui la stessa debba avvenire: “Il debitore è costituito in mora mediante intimazione o richiesta fatta per iscritto.”. Ciò significa che il creditore, che non voglia vedersi trascorrere inutilmente il termine di prescrizione, anziché dover proporre apposita domanda giudiziale (con tutte le correlate incombenze procedurali e oneri finanziari), può limitarsi a intimare il debitore ad adempiere con un qualsiasi atto scritto (salvo i seguenti limiti). Afferma a tal riguardo la Corte di Cassazione che “l'atto di costituzione in mora”, che comunque “richiede la forma scritta”, è “idoneo ai fini dell'interruzione della prescrizione” (Cassazione civile, sez. lav., 16/04/2007, n. 9046). Analoga presa di posizione è rinvenibile in una sentenza più recente in cui il giudice supremo si esprime per la “idoneità di questo [telegramma o lettera raccomandata] a rappresentare valido atto interruttivo della prescrizione” (Cassazione civile, sez. III 20/06/2011 n. 13488).

Segue: i requisiti della diffida scritta stragiudiziale.

Tuttavia, la giurisprudenza ha elaborato precisi requisiti che debbano ricorrere nella diffida scritta stragiudiziale affinché essa sia idonea a provocare l’effetto interruttivo auspicato dal creditore. Ad avviso dei giudici, infatti, la lettera raccomandata, ai fini menzionati, deve contenere 1) l’indicazione del debitore (“chiara indicazione del soggetto obbligato”), 2) l’esplicitazione di una ben determinata pretesa (es. il pagamento di una certa somma di denaro) e, infine, 3) l’espressa intimazione di adempimento “idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito di far valere il proprio diritto nei confronti del soggetto indicato, con l'effetto sostanziale di costituirlo in mora” (Cassazione civile, sez. III, 29/05/1987, n. 4804; in senso analogo Tribunale di Roma, Sezione VIII, sentenza n. 5377 del 7/3/2005). Risulta così consacrato il principio per cui l’intimazione stragiudiziale, ai fini dell’interruzione, deve essere proposta dal titolare del credito in modo tale da far emergere in maniera assolutamente chiara e univoca l’intento di esercitare il proprio diritto. Modi appropriati per dimostrare tale volontà potrebbero essere l’esplicitazione, nella lettera monitoria, dell’intenzione di adire, in caso di mancata soddisfazione del credito, gli organi giurisdizionali e la fissazione di un termine per l’adempimento spontaneo da parte del intimato.

Consegue, a titolo esemplificativo, che non possono essere ritenuti sufficienti la richiesta verbale di adempimento (difetta della forma scritta), la sollecitazione (anche scritta, ma) priva del carattere di intimazione vero e proprio in quanto si limita a contenere semplici manifestazioni di giudizio (Cassazione civile, sez. I, 19/01/1995, n. 561), la mera produzione di documenti, pur se idonea a dimostrare l’avvenuta interruzione, senza specificazione dell’intento monitorio (Cassazione civile, sez. II, 30/03/2001, n. 4704), le trattative per comporre bonariamente la vertenza, salvo, in quest’ultimo caso, che dal comportamento del debitore risulti il riconoscimento dell’esistenza del diritto di credito ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 2944 c.c. (Cassazione civile, sez. III, 13/11/2003, n. 17134), etc. In tutte queste ipotesi ci si trova di fronte a “semplici sollecitazioni prive del carattere di intimazione e di espressa richiesta formale al debitore” (Tribunale di Roma, Sezione VIII, sentenza n. 5377 del 7/3/2005), sicché quest’ultimo non può essere ritenuto costituito efficacemente in mora ai sensi degli artt. 2943 e 1219 c.c.

RIASSUNTONE.

La messa in mora serve per intimare ufficialmente alla controparte (che non rispetta il contratto) un determinato adempimento.
Va inviata tramite raccomandata A/R o telegramma o pec, scrivendo pochi dati ma incisivi.
Vorrei qui ricordare che :
- la PEC non è sottoscritta dal mittente, quindi, per una corretta messa in mora, va allegata alla medesima una diffida "classica" in pdf (o altro formato consentito), sottoscritta con firma digitale (o firma elettronica qualificata per essere precisi). In questo modo, tra l'altro, si bypassa anche l'eventuale contestazione circa la c.d. "busta vuota";
- raccomandata A/R, meglio comunque affidarsi al fornitore servizio postale universale (Poste Italiane), in quanto il suo incaricato riveste l'incarico di pubblico ufficiale;
- Il telegramma gode di forza autonoma grazie ad una norma

E se l’Inps ci fa una pernacchia ?

Nel caso di messa in mora, il contratto o i rapporti con la controparte rimangono intatti, ma il creditore è autorizzato a rivolgersi all’autorità competente, che può essere:
– il giudice di pace fino a 5.000 euro in contenzioso;
– tribunale civile per importi superiori.

In definitiva :

“Affinché un atto possa acquisire efficacia interruttiva della prescrizione, a norma dell'art. 2943 quarto comma, c.c., esso deve contenere anche l'esplicitazione di una pretesa, vale a dire una intimazione o richiesta scritta di adempimento, idonea a manifestare l'inequivocabile volontà del titolare del credito, anche tramite il suo rappresentante, di far valere il proprio diritto nei confronti del soggetto passivo, con l'effetto di costituirlo in mora.” - T.A.R. Roma (Lazio) sez. II 05 giugno 2014 n. 5982





By nocolas


Complimenti per la ricerca giurisprudenziale. Purtroppo esistono pronunce a sfavore della validità della semplice raccomandata (vedasi sotto come si sono mossi prefettizi e funzionari per analoga incombenza).
Peraltro non tutti hanno la forma digitale (e tantomeno io) per cui non mi sentirei di suggerire ad altri di rischiare di farsi rigettare un futuro ricorso con la scusa della nullità di atti presupposti perché in difetto di notifica.
Notifica per ufficiale giudiziario evita questi rischi come dimostrato dal fatto che prefettizi e funzionari hanno proceduto come segue:
""""""
ATTO DI DIFFIDA, SIGNIFICAZIONE DIFFIDA E MESSA IN MORA

* * *

Il SINDACATO NAZIONALE FUNZIONARI PREFETTIZI – SI.N.PRE.F. in persona del Presidente e rappresentante legale p.t. Dott. Paolo Guglielman, il quale agisce anche in proprio, l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE FUNZIONARI AMMINISTRAZIONE CIVILE DELL’INTERNO – A.N.F.A.C.I. in persona del Segretario Generale e rappresentante legale p.t. Dott. Carlo Mosca, il quale agisce anche in proprio e l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE FUNZIONARI POLIZIA DI STATO – A.N.F.P. in persona del Segretario Generale e rappresentante legale p.t. Dott. Giovanni Aliquò, il quale agisce anche in proprio, tutti elettivamente domiciliati ai fini del presente atto presso lo studio legale Sanino in Roma, Viale Parioli n. 180

premesso

- che aderiscono alle Associazioni istanti tutti i Dirigenti Generali, i Dirigenti e Funzionari dello Stato e che la presente richiesta è avanzata per conto di tutti gli aderenti alle Associazioni medesime, nonché dai loro rispettivi legali rappresentanti in proprio;

- che l’art. 2, comma 5, della L. 6 marzo 1992 n. 216 prevede che il trattamento economico dei Dirigenti Generali, Dirigenti e Funzionari dello Stato è aggiornato annualmente con Decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri per la funzione pubblica e del tesoro, nel rispetto delle norme generali vigenti;

- che con DPR 8 maggio 1997 è stato determinato l’aggiornamento, per l’anno 1997, del trattamento economico del personale dirigenziale dello Stato, di cui al richiamato art. 2, L. 216/92

considerato

- che ad oggi, nonostante i ripetuti solleciti, non è stato ancora decretato simile aggiornamento per l’anno 1998;

ritenuto

che l’ISTAT ha comunicato da tempo, in data 27 marzo 1998, la
media degli incrementi retributivi realizzati nel 1997 (10,46%) per il

calcolo di detto aggiornamento;

- che, peraltro, il Ministero del Tesoro non ha dato seguito al provvedimento ISTAT e non ha concluso il procedimento previsto dalla legge 6 marzo 1992 n. 46;

- che il ritardo nella adozione del provvedimento provoca pregiudizi consistenti agli interessati e che quindi la definizione della questione non può più essere procrastinata;

Tutto ciò premesso, ritenuto e considerato

il SI.N.PRE.F., l’A.N.F.A.C.I. e l’A.N.F.P. per conto di tutti i propri iscritti e i loro rappresentanti legali p.t. in proprio

diffidano

il ATTO DI DIFFIDA, SIGNIFICAZIONE DIFFIDA E MESSA IN MORAa proporre al Consiglio dei Ministri l’aggiornamento del trattamento economico, per il 1998, di cui all’art. 2, comma 5, della L. 216/92;

diffidano

il Consiglio dei Ministri in persona del Presidente p.t. a deliberare, successivamente alla proposta, l’aggiornamento del trattamento economico, per il 1998, ai sensi dell’art. 2, comma 5, della L. 216/92

METTONO IN MORA

il MINISTRO DEL TESORO, il MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA in persona dei rispettivi Ministri p.t. e la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI in persona del Presidente p.t. ad adottare, ognuno secondo le proprie competenze, i necessari atti e provvedimenti per l’aggiornamento suddetto entro il termine massimo di giorni 30 (trenta) dalla notifica della presente, ai sensi dell’art. 2, comma 3, della L. 7 agosto 1990 n. 241, e dall’art. 25 del T.U. 10 gennaio 1958 n. 3

SIGNIFICANO

che, in caso di persistente inottemperanza, si vedranno, in ogni caso, costretti ad adire la competente autorità giudiziaria, civile, penale e amministrativa, anche ai sensi dell’art. 28 della Costituzione, per la tutela delle proprie ragioni.

Roma, li 14 ottobre 1998

SI.N.PRE.F.

(Dott. Paolo Guglielman)



A.N.F.A.C.I

(Dott. Carlo Mosca)

A.N.F.P.

(Dott. Giovanni Aliquò)

RELATA DI NOTIFICA

Ad istanza come in atti io sottoscritto Aiutante Ufficiale Giudiziario addetto all’Ufficio Unico Notifiche presso la Corte di Appello di Roma ho notificato il suesteso atto a:

- PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI in persona del Presidente p.t. nei suoi uffici in ROMA PALAZZO CHIGI ivi recandomi e consegnandone copia conforme all’originale a mani di:

- MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA in persona del Ministro p.t. nei suoi uffici in ROMA CORSO VITTORIO EMANUELE II N. 108 ivi recandomi e consegnandone copia conforme all’originale a mani di:

- MINISTERO DEL TESORO in persona del Ministro p.t. nei suoi uffici in ROMA VIA XX SETTEMBRE N. 97 ivi recandomi e consegnandone copia conforme all’originale a mani di: ....."


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda Zenmonk » mar gen 17, 2017 12:06 pm

ciro49 ha scritto:Risposta della Direzione Regionale Veneto INPS
Gentile sig. Ciro
le modalità operative relative all’applicazione dei benefici previsti dall’art.211 della Legge 11 Dicembre 2016, n°232 potranno essere rese note solo dopo la pubblicazione di apposita circolare applicativa emanata dalla competente Direzione Centrale. Sarà nostra cura provvedere a portare a Sua conoscenza quanto determinato non appena pubblicata.
Cordiali saluti

E quindi campa cavallo...alla faccia degli ottimisti alla Leibnitz...


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 2:28 pm

Infatti di sicuro fino ad aprile si pagherà l'irpef sulla pensione- febbraio e marzo sicuramente al 100%-
Siccome io sono anche iscritto alle novità della Ragioneria generale dello stato, e mi mandano tutte le circolari che vengono emesse a seguito della legge di stabilità-
Ed ho letto che il Mef per ogni comma della legge di stabilità emana una circolare-e facile che anche al comma che interessi a noi deve emanare una circolare che inps dovrà recepire-


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 2:35 pm

ciro49 ha scritto:Risposta della Direzione Regionale Veneto INPS
Gentile sig. Ciro
le modalità operative relative all’applicazione dei benefici previsti dall’art.211 della Legge 11 Dicembre 2016, n°232 potranno essere rese note solo dopo la pubblicazione di apposita circolare applicativa emanata dalla competente Direzione Centrale. Sarà nostra cura provvedere a portare a Sua conoscenza quanto determinato non appena pubblicata.
Cordiali saluti



o ho appena mandato una email sia al direttore generale Inps,dia alla direzione centrale delle pensioni di roma-chiedendo quando emanano la nota operativa sulla legge di stabilità 2017,che ha stabilito l'esenzione dell'irpef sulla pensione-perdete due minuti al giorno e mandate una e-.mail al giorno ai sottoindicati
indirizzo email-
ufficiosegreteria.direttoregenerale@pos ... nps.gov.it
dc.pensioni@postacert.inps.gov.it
mandate e-mail tutti fino ad ingolfare la pec dell'inps-


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda oreste.vignati » mar gen 17, 2017 5:10 pm

Spero che ciò possa dare un risultato, ma fino a quando gli uffici centrali non daranno disposizioni bisognerà avere pazienza. È triste ma penso che sarà difficile ottenere risultati in tempi ristretti, anche avendone diritto.

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk


Link sponsorizzati
oreste.vignati
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1168
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 5:49 pm

oreste.vignati ha scritto:Spero che ciò possa dare un risultato, ma fino a quando gli uffici centrali non daranno disposizioni bisognerà avere pazienza. È triste ma penso che sarà difficile ottenere risultati in tempi ristretti, anche avendone diritto.

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk


Intanto Inps oggi ha emanato la circolare che dal 1 aprile farà le trattenute sulla pensione per effetto della restituzione dello 01% percepito in più nel 2015- il tutto in 4 rate


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda oreste.vignati » mar gen 17, 2017 6:10 pm

E vai, non danno quello che devono ma intanto tolgono quello che gli compete. Nel frattempo attendono direttive per pagare, ma se devono avere deliberano dopo pochi giorni. Sono eccezionali.

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk


Link sponsorizzati
oreste.vignati
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1168
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 8:39 pm

Caro Nicola-

A seguito della lettera della Commissione europea inviata al Governo Italiano di modifcare la legge di stabilità 2017,e di trovare 4 miliardi-
Intervistato il Ministro Padoan ha detto " STIAMO VALUTANDO DI TAGLARE I BENEFICI FISCALI CONCESSI NELLA LEGGE DI STABILITA' e tra questi ci sono anche i nostri, per cui la strada diventa ancora più scivolosa e il traguardo si allontana ancora una volta -Speriamo di no- Ascoltate di vari TG della sera


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda Zenmonk » mar gen 17, 2017 9:29 pm

Caro Ciro, mi pare fosse ampiamente prevedibile (e infatti lo avevamo previsto) che siccome, dopo la mancia elettorale le cose al referendum gli sono andate storte, hanno trovato la scusa per vendicarsi e punire la gente cedendo senza riserve alle richieste di Bruxelles.
Sarà una dura lezione per il popolo italiano, che sarà colpito da una patrimoniale senza precedenti, oltre che per noi che già abbiamo perso praticamente tutto quello che c'era da perdere.


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: esenzione irpef vittime del dovere

Messaggioda ciro49 » mar gen 17, 2017 9:58 pm

Zenmonk ha scritto:Caro Ciro, mi pare fosse ampiamente prevedibile (e infatti lo avevamo previsto) che siccome, dopo la mancia elettorale le cose al referendum gli sono andate storte, hanno trovato la scusa per vendicarsi e punire la gente cedendo senza riserve alle richieste di Bruxelles.
Sarà una dura lezione per il popolo italiano, che sarà colpito da una patrimoniale senza precedenti, oltre che per noi che già abbiamo perso praticamente tutto quello che c'era da perdere.


E mi sorge anche il dubbio che inps, sede centrale latita,forse perchè Padoan gli ha detto aspetta ,a emanare la nota operativa-perchè forse ?????????????????????????????????????? devo usare anche per le VD la forbice-

Vediamo cosa fa il barbiere Padoan


Link sponsorizzati
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

PrecedenteProssimo

Torna a CARABINIERI






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti




CSS Valido!