Link sponsorizzati

Colcolo contributi anni di sospensione

Re: Colcolo contributi anni di sospensione

Messaggioda ciro49 » gio gen 12, 2017 12:31 pm

angri62 ha scritto:
ciro49 ha scritto:
Domenico61 ha scritto:Salve a tutti volevo una spiegazione in merito a questa mio quesito :
Sono stato congedato senza diritto alla pensione ( a seguito di destituzione) nel' anno 2014 , ho percepito il T.F.S. con una liquidazione di un totale di 38 anni e pochi mesi di contribuzione ,vorrei sapere a quale eta posso chiedere la pensione , attualmente ho i mie 55 anni mi hanno detto che nel 2017 vi sono nuove regole di pensionamento qualcuno ne sa qualcosa.
Fatemi sapere qualcosa in merito come posso fare e se qualcuno mi può dare un aiuto come muovermi.
Grazie a tutti aspetto vostre notizie cordiali saluti.


Anni 67 e mesi 3 -hai diritto alla pensione Inps,essendo fatta la posizione assicurativa

======L’anzianità contributiva minima prevista per aver diritto alla pensione di vecchiaia è di 20 anni.
L’INPS, con circolare n. 16 dell’1.2.2013, ha riconosciuto la deroga al suddetto requisito di 20 anni a favore degli iscritti INPS Gestione ex INPDAP in possesso di 15 anni di contribuzione utile alla data del 31.12.1992.



E vero che con 20 anni si ha diritto alla pensione di vecchiaia-Ma questo si matura con il requisito anagrafico di anni 67 e mesi 3 e non 60 anni come hai scritto tu-
Mentre quelle di anzianita e cosa diversa in quanto e riferita al personale in servizio
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Link sponsorizzati

Re: Colcolo contributi anni di sospensione

Messaggioda Domenico61 » gio gen 12, 2017 9:02 pm

Salve... Ciao ciro 49 se cosi fosse come dici tu a 67 anni di età puoi andare in pensione di vecchiaia (se uno ci campa e se non cambiano altre regole) mi mancherebbero appena 12 anni giusto?
Ma con che pensione andrei a prendere cioè mi spiego che somma si percepisce con una pensione di vecchiaia con 38 anni di contributi (versati dall'arma ) e se riesco ad avere la fortuna di poter essere assunto (alla mia età) e continuare la contribuzione di contributi ? Posso versare i rimanenti contributi e raggiungere la pensione o devo sempre aspettare 67 anni ?? Grazie ..buon lavoro.
Domenico61
Altruista
Altruista
 
Messaggi: 175
Iscritto il: lun set 26, 2011 4:37 pm

Re: Colcolo contributi anni di sospensione

Messaggioda ciro49 » gio gen 12, 2017 9:29 pm

Domenico61 ha scritto:Salve... Ciao ciro 49 se cosi fosse come dici tu a 67 anni di età puoi andare in pensione di vecchiaia (se uno ci campa e se non cambiano altre regole) mi mancherebbero appena 12 anni giusto?
Ma con che pensione andrei a prendere cioè mi spiego che somma si percepisce con una pensione di vecchiaia con 38 anni di contributi (versati dall'arma ) e se riesco ad avere la fortuna di poter essere assunto (alla mia età) e continuare la contribuzione di contributi ? Posso versare i rimanenti contributi e raggiungere la pensione o devo sempre aspettare 67 anni ?? Grazie ..buon lavoro.


Se versi i contributi per arrivare a 42 anni e 3 mesi ,puoi andare in pensione il giorno dopo raggiunto tale requisito- mia moglie e andata in pensione nel 2009 con età anagrafica prevista e 28 anni di contributi prende adesso di pensione netta 810 euro- Quindi tu con 42 anni di versamento di contributi,prenderai una pensione netta di 1300 euro-
Ma siccome io conosco la tua storia, devi sapere che i contributi tuoi essendo stato destituito, ed anche sospeso, il tuo servizio utile ai fini della pensione e terminato alla data di inizio della sospensione-In quanto la tua rimozione dal grado decorre dalla data della sospensione cautelare-A meno che non hai avuto l'interdizione perpetua dai pubblici uffici allora la decorrenza della cessazione dal servizio e quella della lettura del dispositivo della sentenza della corte di cassazione-
ciro49
Riferimento
Riferimento
 
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: Colcolo contributi anni di sospensione

Messaggioda andrea666 » mer nov 22, 2017 6:47 pm

Se versi i contributi per arrivare a 42 anni e 3 mesi ,puoi andare in pensione il giorno dopo raggiunto tale requisito- mia moglie e andata in pensione nel 2009 con età anagrafica prevista e 28 anni di contributi prende adesso di pensione netta 810 euro- Quindi tu con 42 anni di versamento di contributi,prenderai una pensione netta di 1300 euro-
Ma siccome io conosco la tua storia, devi sapere che i contributi tuoi essendo stato destituito, ed anche sospeso, il tuo servizio utile ai fini della pensione e terminato alla data di inizio della sospensione-In quanto la tua rimozione dal grado decorre dalla data della sospensione cautelare-A meno che non hai avuto l'interdizione perpetua dai pubblici uffici allora la decorrenza della cessazione dal servizio e quella della lettura del dispositivo della sentenza della corte di cassazione-[/quote]


Buongiorno Ciro, ci siamo sentiti di recente e ti ho scritto anche in mp anni indietro , colgo l'occasione per ringraziarti di tutto mi aggancio qui per chiederti un parere al riguardo :

ammesso come hai detto piu' volte che con l art 28 cp interdizione perpetua la decorrenza della destituzione sarà contestuale alla lettura della sentenza definitiva credi che lo stesso si possa dire circa l'art 32 quinques c.p.? lo stesso prevede che per condanne riferite a reati tipici della P.A. "non inferiori ad anni 3" poi rivisto nel 2015 a "non inferiori ad anni 2" sia previsto lo stesso trattamento dell'interdizione perpetua.
Il punto è che non riesco a capire se il 32 quinques citato in sentenza come pena accessoria equivale per l'Amm.ne all'interdizione perpetua.

ti allego 2 cose per completezza


Anche dopo la riforma del procedimento disciplinare operata dall'art. 9 l. n. 19 del 1990, debbono ritenersi vigenti ipotesi di destituzione automatica, quali quelle conseguenti all'inflizione in sede penale di pene accessorie di tipo perpetuo (l'interdizione dai pubblici uffici ex art. 28 c.p., rimozione a seguito di perdita di grado ex art. 29 c.p.m.p., estinzione del rapporto di lavoro o di impiego ex art. 32 quinquies c.p. introdotto dalla l. n. 19 del 1990, emanato in coerenza con la declaratoria di incostituzionalità della destituzione automatica a seguito di condanna penale, non ha infatti abolito tutte le norme contrastanti con il divieto di automatica destituzione, ma solo quella indicata dalla Corte costituzionale con sentenza n. 971 del 14 ottobre 1988.

Consiglio di Stato sez. IV 09 dicembre 2002 n. 6669



Il provvedimento con cui il Capo della Polizia decreta la decadenza dal servizio di un dipendente della Polizia di Stato, in seguito al passaggio in giudicato di sentenza penale di condanna a cinque anni di reclusione, in applicazione dell'art. 28 comma 2, c.p., secondo cui l'interdizione perpetua dai pubblici uffici priva il condannato di ogni pubblico ufficio e della qualità di pubblico ufficiale, non è sanzione disciplinare espulsiva avente carattere automatico, ma costituisce semplice (e necessitata) presa d'atto della intervenuta applicazione della pena accessoria della interdizione perpetua dai pubblici uffici: da ciò discende la inapplicabilità, alla fattispecie in questione, dell'art. 9, l. n. 19 del 1990.
andrea666
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 12
Iscritto il: lun set 17, 2012 12:32 pm

Re: Colcolo contributi anni di sospensione

 

Precedente

Torna a CARABINIERI






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 22 ospiti

CSS Valido!