Link sponsorizzati

Amianto

Amianto

Messaggioda panorama » mar apr 07, 2015 10:43 am

O.N.A.

Osservatorio Nazionale Amianto

vedi link

http://osservatorioamianto.jimdo.com/


Link sponsorizzati
panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 8762
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: Amianto

Messaggioda panorama » sab feb 11, 2017 2:37 pm

diniego della dipendenza da causa di servizio dell'infermità “mesotelioma pleurico” nonché�? dei benefici previsti quale “equiparato” alle vittime del dovere.

Riserva.
--------------------------------------------------------------------------

PARERE INTERLOCUTORIO ,sede di CONSIGLIO DI STATO ,sezione SEZIONE 2 ,numero provv.: 201700209
- Public 2017-01-31 -

Numero 00209/2017 e data 25/01/2017 Spedizione


REPUBBLICA ITALIANA
Consiglio di Stato
Sezione Seconda

Adunanza di Sezione del 18 gennaio 2017

NUMERO AFFARE 00423/2015

OGGETTO:
Ministero della difesa.

Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica proposto dalla -OMISSIS-, di diniego della dipendenza da causa di servizio dell'infermità “mesotelioma pleurico” nonché�? dei benefici previsti quale “equiparato” alle vittime del dovere.

LA SEZIONE
-OMISSIS-, con la quale il Ministero della difesa ha chiesto il parere sull’affare in oggetto;
Visti gli artt. 22, comma 8 e 52, comma 2 del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196;
Esaminati gli atti e udito il relatore, consigliere Claudio Boccia.

Premesso e considerato.

1. -OMISSIS-, chiedeva la corresponsione dei benefici previsti per gli “equiparati alle vittime del dovere” ritenendo il decesso del marito interdipendente con l'infermità “Mesiotelioma pleurico”, dal medesimo sofferta.

-OMISSIS- certificava l'esistenza di un nesso eziopatogenetico tra il decesso del militare e la succitata infermità, attribuendo a quest’ultimo un’invalidità̀ pari al 100%.

-OMISSIS-- giudicava tale patologia non dipendente da fatti di servizio e non rinveniva le particolari condizioni ambientali ed operative di servizio necessarie ai fini del riconoscimento dei benefici economici di cui al d. P.R. n. 243 del 2006.

-OMISSIS-, l’Amministrazione, nel comunicare all’istante il predetto parere negativo del CVCS invitava l’interessata a produrre nuova documentazione e/o le proprie controdeduzioni a quanto rilevato nel succitato parere del CVCS.

-OMISSIS-, l’Amministrazione trasmetteva al Comitato di verifica il fascicolo sanitario e amministrativo relativo al deceduto, corredato dalle controdeduzioni prodotte dall’interessata --OMISSIS-- ai fini del riesame del parere precedentemente reso dall’organo consultivo.

-OMISSIS-, il CVCS confermava il parere negativo in precedenza formulato sia ai sensi del d. P.R. n. 461 del 2001 sia relativamente alla non sussistenza delle particolari condizioni ambientali od operative di missione di cui al d. P.R. n. 243 del 2006.

-OMISSIS-.

2. Con il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica in epigrafe -OMISSIS- nonché di ogni altro atto o provvedimento preordinato, connesso, collegato o consequenziale.

A sostegno del citato gravame la ricorrente ha dedotto l’illegittimità dei provvedimenti impugnati per eccesso di potere sotto il profilo dell’omessa valutazione di fatti rilevanti inerenti il servizio nonché dell’erronea e superficiale valutazione di elementi causali e concausali ai fini del riconoscimento della condizione di vittima del dovere per la patologia sofferta dal militare.

Secondo la ricorrente, infatti, il diniego impugnato sarebbe in contrasto “con gli eventi lavorativi prestati dal dipendente” nonché̀ “totalmente contraddittorio con quanto usualmente applicato dal Ministero della Difesa nei casi di riconoscimento di dipendenza da causa di servizio e della concessione dei benefici per le vittime del dovere e provvidenze in favore dei soggetti esposti ad amianto e/o a sostanze altamente tossiche” e avrebbe determinato “-OMISSIS-”.

Inoltre, la ricorrente ha dedotto il difetto di motivazione dell’impugnato decreto che sarebbe basato sul parere espresso dal CVCS con formula stereotipata e, quindi, priva di motivazione pregnante.

3. Con la relazione istruttoria in epigrafe il Ministero riferente si è espresso per il rigetto nel merito del ricorso in esame.

4. Tanto premesso, la Sezione ritiene necessario - al fine di poter compiutamente esaminare la presente controversia ed in considerazione della delicatezza e della complessità del tema dei danni derivanti dall’esposizione all’amianto - invitare l’Amministrazione ad integrare la relazione in epigrafe, fornendo alla Sezione stessa ulteriori elementi istruttori relativamente all’ipotizzata correlazione tra la patologia sofferta e l’asserita esposizione all’amianto dell’interessato nel corso del suo servizio. E ciò nella considerazione che la stessa Amministrazione, -OMISSIS-, depositata in atti, ha comunicato che all’epoca in cui sono state costruite le unità navali sulle quali il militare ha prestato servizio “l’amianto era comunemente impiegato anche nella costruzione delle stesse e non sottoposto a restrizioni”.

Con l’occasione la Sezione invita, altresì, l’Amministrazione a trasmettere la citata integrazione istruttoria, e gli atti eventualmente ad essa allegati, alla parte ricorrente, al fine di consentirne a quest’ultima l’accesso, con assegnazione alla medesima di un congruo termine per il deposito di eventuali memorie, che dovranno essere esclusivamente indirizzate, ai sensi dell'art. 49, comma 2 del r.d. 21 aprile 1942, n. 444, all'Amministrazione, la quale le farà pervenire alla Sezione unitamente alle proprie eventuali controdeduzioni ovvero invierà alla Sezione stessa una comunicazione attestante l’avvenuta trasmissione degli atti di cui si converte e la mancata presentazione di controdeduzioni da parte dell'interessata.

Infine, la Sezione invita l’Amministrazione a svolgere i succitati adempimenti nel termine di 90 giorni decorrente dalla data di ricezione del presente parere interlocutorio.

P.Q.M.

La Sezione, impregiudicata ogni questione in rito e nel merito, invita l’Amministrazione a provvedere agli adempimenti di cui in motivazione nelle forme e nei termini ivi previsti, sospendendo nelle more l’esame del ricorso.

Manda alla segreteria di trasmettere il presente parere alla parte ricorrente.
Ritenuto che sussistano i presupposti di cui agli artt. 22, comma 8 e 52, comma 2 del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196, a tutela dei diritti o della dignità della parte interessata, manda alla segreteria di procedere, in qualsiasi ipotesi di diffusione del presente parere, all’oscuramento delle generalità nonché di qualsiasi dato idoneo a rivelare lo stato di salute dei soggetti indicati nel presente parere.



L'ESTENSORE IL PRESIDENTE
Claudio Boccia Gianpiero Paolo Cirillo




IL SEGRETARIO
Roberto Mustafà


In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.


Link sponsorizzati
panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 8762
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Amianto

Messaggioda Cobrani » sab mag 13, 2017 1:58 pm

Buongiorno
Chiedo scusa a tutti, ho bisogno che divulghiate il messaggio qui sotto allegato a tutti i vostri contatti, se potete partecipate in massa.

In questo periodo il personale delle Forze Armate sta correndo il serio pericolo che i danni da infortuni e malattie subite nel corso del servizio siano valutate dall'inail, con la conseguente eliminazione del Comitato di Verifica e della normativa pensionistica correlata.
In buona sostanza è in corso una manovra tesa alla banalizzazione dello status di militare e della condizione a questo sottesa.
Esiste un pdl ora in discussione presso le commissioni XI e XII della Camera.
E' necessario che tutti i militari, le vittime e i familiari sappiano il rischio che si sta correndo.
Abbiamo creato un gruppo FORZE ARMATE: NO ALL'INAIL
Forze Armate: No all'INAIL !!!
Che non si dica...NON LO SAPEVO !
Il momento giusto è arrivato. Ora o mai più.

Partecipa al SIT-IN a Roma, in Piazza Montecitorio, previsto mercoledi 17/05/2017 dalle 11.00 alle 17,30
per dire: No all'INAIL !!! per dire che c'è bisogno di tutt'altro !!!
Il 17 maggio, alle ore 14.30, l'AFeVA Sardegna e l'AFEA Nazionale, componenti del CAD, saranno audite dalle Commissioni Lavoro e Affari Sociali della Camera dei Deputati.
Partecipa !
Per supportare la costante azione delle Associazioni delle Vittime dell'amianto e degli altri fattori nocivi che hanno minato e minano la salute del personale delle Forze Armate e Sicurezza Nazionale.

Il momento giusto è ora!

Maggiori Informazioni su
http://www.afevasardegna.it/attachments ... HE'_ok.pdf
Grazie a tutti e ricordatevi di divulgare in massa.


Link sponsorizzati
Cobrani
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 45
Iscritto il: lun feb 27, 2017 8:11 pm


Torna a CARABINIERI






Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti




CSS Valido!

cron